Mutui Inps per l’acquisto della prima casa

Il mutuo Inps ex Inpdap è un Mutuo Ipotecario concesso dall’Istituto Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Dipendenti o Pensionati dell’Amministrazione Pubblica. L’INPDAP, ora accorpato al Super Inps, offre mutui a tassi agevolati sia fisso che variabile e condizioni vantaggiose per  l’acquisto della prima casa. Il prestito può essere concesso anche ai figli degli iscritti all’ente per un totale di 300.000 euro per una durata di 10, 15, 20, 25 o 30 anni.

 

Mutui Inps 2024 – guida completa e aggiornata.

I mutui Inpdap come già detto in precedenza sono dei finanziamenti ipotecari che l’Inps (subentrato nella gestione dei rapporti all’Inpdap) eroga nei confronti degli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali a condizioni di particolare convenienza.
Ma a chi sono rivolti i mutui Inpdap? Come funzionano? A che tassi vengono erogati? E come potete fare domanda?

Beneficiari Mutui Inpdap

I mutui Inpdap possono essere richiesti da parte di tutti gli iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, in servizio a tempo indeterminato o in pensione, purchè con un’anzianità di iscrizione non inferiore a un anno.
Sinteticamente, possono dunque accedere ai mutui Inps / Inpdap (quasi) tutti i dipendenti pubblici e statali, alle condizioni che potete consultare nei paragrafi successivi.

Importo Mutui Inpdap

L’importo dei mutui Inpdap dipende dalla tipologia di operazione che il beneficiario desidera supportare.
Schematizzando, il massimale è pari:
per acquisto, costruzione, completamente, ampliamento o assegnazione da cooperativa in misura di 300.000 euro, anche fino al 100% del valore di perizia dell’immobile;
per lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria, adattamento o ristrutturazione, in misura del 40% del valore dell’immobile attribuito dalla perizia di stima, ma non superiore a 150.000 euro;
per acquisto o costruzione di box auto o posto auto, in misura di 75.000 euro.
Alle stesse condizioni di tasso che tra breve vedremo, l’iscritto potrà anche richiedere un ulteriore importo per un massimo di 6.000 euro, con cui fronteggiare le spese documentate relative alla copertura assicurativa (facoltativa).

Durata Mutui Inpdap

La durata dei mutui Inpdap può essere pari a 10, 15, 20, 25 o 30 anni. Bisogna tuttavia tenere in considerazione che se alla data di presentazione della domanda l’iscritto ha già compiuto 65 anni, la durata massima richiedibile è pari a 15 anni.

Tassi Mutui Inpdap

Dallo scorso 1 settembre 2017 l’Inps ha rivisto le condizioni di tasso con cui eroga i finanziamenti ipotecari.
Per quanto concerne il tasso fisso, la misura del TAN (tasso annuo nominale) dipenderà dalla percentuale di intervento (LTV – loan to value, ovvero il rapporto tra l’importo finanziato e il valore dell’immobile) e la durata del piano di ammortamento.  Nel dettaglio:

per durate fino a 10 anni: 1,15% (LTV <= 50%); 1,44% (LTV 50% – 80%); 1,73% (LTV >80%);
per durate fino a 15 anni: 1,51% (LTV <= 50%); 1,69% (LTV 50% – 80%); 2,20% (LTV >80%);
per durate fino a 20 anni: 1,65% (LTV <= 50%); 1,83% (LTV 50% – 80%); 2,38% (LTV >80%);
per durate fino a 25 anni: 1,97% (LTV <= 50%); 2,03% (LTV 50% – 80%); 2,65% (LTV >80%);
per durate fino a 30 anni: 1,97% (LTV <= 50%); 2,03% (LTV 50% – 80%); 2,65% (LTV >80%).

Se invece l’iscritto preferisce il tasso variabile, il TAN sarà determinato sulla base dell’Euribor a 6 mesi, calcolato su 360 giorni, con spread di 200 punti base, da aggiornarsi al 30 giugno o al 31 dicembre del semestrep recedente e applicato a tali date sul debito residuo.

Costi Mutui Inpdap

Oltre al tasso, il principale costo del mutuo Inpdap è rappresentato dalle spese di amministrazione, pari allo 0,50% del capitale richiesto, trattenute anticipatamente al momento dell’erogazione.

Pagamento Mutui Inpdap

Le rate del piano di ammortamento dei mutui Inps / Inpdap possono essere pagate con addebito sul proprio conto bancario o postale, mediante MAV precompilati disponibili sul sito internet dell’Inps.

Domanda Mutui Inpdap

La domanda per i mutui Inpdap deve essere inviata in determinate frangenti temporali ogni anno:
dal 1 al 10 gennaio;
dal 1 al 10 maggio;
dal 1 al 10 settembre.
Fare domanda è abbastanza semplice: è infatti sufficiente accedere al portale Inps mediante il servizio dedicato, compilare la richiesta e allegare tutti i documenti richiesti. Sul sito internet dell’ente previdenziale è altresì disponibile una guida alla compilazione, e l’elenco dei documenti e dei modelli utili.

 

In Rilievo: Mutui e Prestiti Inps Ex-Inpdap

Mutui giovani coppie Letta: novità e revisioni per rilanciare il progetto

Grazie ad un recente provvedimento dell’esecutivo Letta, ripartono finalmente i mutui agevolati per le giovani coppie, praticamente inattivi e bloccati da circa due anni, per vuoti normativi e complicazioni di assoluto rilievo. E così,  gli under 35 potranno finalmente chiedere un aiuto economico per l’acquisto di casa, anche se sono diversi i requisiti richiesti da […]

Tutto sul tasso mutuo INPS, le novità del 2024

Guida completa al tasso mutuo INPS: novità 2024 Introduzione Il tasso mutuo INPS è un argomento di grande interesse per chi intende acquistare una casa o ristrutturarla. Si tratta di un finanziamento agevolato offerto dall’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, che permette di accedere a condizioni vantaggiose rispetto ai tradizionali mutui bancari. Nel corso degli anni, […]

Prestiti Inpdap: cosa sono, chi può ottenerli, tassi e requisiti

I prestiti erogati dall’ Inpdap si pongono in alternativa a quelli tradizionali che vengono concessi dalle ben conosciute banche e finanziarie. Per i dipendenti statali che vogliono magari acquistare una nuova vettura o sostenere qualche spesa extra questa è la migliore soluzione possibile perché parliamo di un prestito che viene concesso abbastanza velocemente e senza troppi […]

Licenziamenti Inpdap, in Toscana altri 30 lavoratori a rischio

Con l’accorpamento e la riorganizzazione dei vari Istituti Nazionali di Previdenza, alcuni lavoratori, a causa dello spostamento fisico di alcune sedi, hanno già perso il lavoro purtroppo. Altri 30 in Toscana subiranno la stessa sorte, visto che sono già arrivate le lettere di licenziamento da parte dell’ente. Secondo quando stabilito dal provvedimento voluto dall’esecutivo Monti, […]